<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=239077339852941&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Search:

Avviare un Blog aziendale in 5 settimane

Lisa Rossi

Avviare un Blog aziendale in 5 settimane

Ti sBlog aziendaleei mai allenato per una maratona? Di sicuro non ti alzi una mattina, decidi di partecipare e corri più di 42 km, giusto? No, per partecipare ad una maratona devi iniziare ad allenarti mesi prima. Per preparati, aggiungi ogni giorno qualche km: magari la prima settimana cominci con 3-4 km e per fine mese riuscirai a correrne 20-30.

Lo stesso ragionamento si applica ai blog. Non puoi iniziare il blog aziendale pubblicando ricerche di mercato e complicati articoli d’opinione; per raggiungere una certa dimestichezza e un determinato livello di contenuti, occorre tempo. Il punto è sapere da dove cominciare

A volte, serve un compagno di corsa per superare una maratona: intanto, eccoti di seguito alcuni importanti suggerimenti per scrivere un buon articolo di Blog.

Inoltre, eccoti due Templates o modelli per avere gratis una griglia che semplifichi il processo di scrittura. [scarica i templates per il blog]

 

A cosa serve un Blog

Tenere un blog non è semplice. Un articolo può richiedere ore di lavoro tra ricerca, stesura e pubblicizzazione. Come fai a sapere che ne vale la pena? Ce lo siamo chiesti anche noi, quindi abbiamo fatto un po’ di ricerche.

Lo sapevi che i client HubSpot che nell’arco di un mese scrivono 3-4 articoli di blog ricevono, nello stesso mese, 20 richieste di contatto, 800 visite al sito, 60 followers su Twitter, 50 likes su Facebook in più di quelli che ne scrivono solo due?  E lo sapevi che l’82% dei marketers che postano quotidianamente sul blog acquisiscono, attraverso questo strumento, un cliente contro il 57% di coloro che postano solo una volta al mese? (Fonte: HubSpot State of Inbound Marketing).

È stato dimostrato che avere un blog è uno dei modi più efficaci per aumentare la visibilità del tuo sito web. Certo, un blog ben fatto richiede molto tempo e risorse, ma è comunque un ottimo strumento. 

In questo articolo, ti proponiamo un programma di cinque settimane, pensato per prepararti alla tua maratona nel mondo dei blog. Ma prima eccoti una guida facile e veloce che ti aiuterà a gestire il tuo blog.

 

9 Passi fondamentali per scrivere un buon articolo di Blog

1) Definisci i tuoi lettori:

Prima di cominciare a scrivere, devi avere ben chiaro chi sono i tuoi lettori: usa i tuoi buyer personas (profili degli acquirenti) per decidere quali temi possono essere per loro più interessanti e quindi quali argomenti affrontare per primi.

2) Scegli il tema dell'articolo e trova un titolo provvisorio:

Secondo passo è scegliere un argomento: parti dal generale e restringi il campo strada facendo. Se hai delle difficoltà a trovare un argomento fresco, rileggi alcuni dei tuoi vecchi articoli; possono darti uno spunto. Valuta anche in che formato vuoi proporre il tuo nuovo contenuto: un ebook, un webinar, un semplice articolo informativo?

A questo punto, scegli un titolo provvisorio: avere un titolo, anche se non sarà quello finale, ti aiuterà a restare focalizzato sul tuo argomento.

3) Scrivi un’introduzione accattivante:

Le prime righe del tuo articolo sono cruciali: devono saper catturare il lettore e incuriosirlo a leggere tutto il post; ad esempio puoi cominciare raccontando un aneddoto, una barzelletta, riportando fatti o statistiche interessanti. Dopodiché, indica lo scopo del tuo articolo e spiega perchè può essere utile al tuo lettore.

Questo può essere un buon esempio, ma con una semplice ricerca sul web puoi accedere a vari esempio di introduzioni efficaci:

Esempio introduzione articolo

4) Organizza il tuo contenuto:

Se l’articolo che hai intenzione di scrivere è carico di informazioni, è necessario organizzare bene il contenuto, di modo che il lettore possa trovare le informazioni in modo chiaro e veloce: fai una scaletta oppure scarica uno dei Template.

5) Scrivi

Ora devi andare a sviluppare i punti della tua scaletta/template. Comincia dai punti che conosci bene e fai un po’ di ricerca se ci sono argomenti da approfondire (ricordati di citare le eventuali fonti esterne!).

6) Edita e formatta il tuo post:

Siamo quasi alla fine: controlla la grammatica del tuo pezzo e ottimizzane l’aspetto.

Inserisci almeno un’immagine, pertinente e adeguata: è importante per il SEO in quanto è stato provato che i contenuti che propongo immagini tendono ad avere una migliore indicizzazione.

Il tuo articolo non deve solo essere interessante e ben scritto, ma deve anche essere bello da vedere: dividi il testo in titoli e sottotitoli in modo da non avere un blocco unico di testo, che potrebbe scoraggiare il lettore. Cerca di usare sempre lo stesso stile di formattazione, di modo da sviluppare una sorta di “impronta aziendale”.

Tag: scegli 10-20 tag che meglio coprono gli argomenti principali che vuoi coprire nel tuo blog: utilizza queste categorie quando scrivi gli articoli, per rendere la navigazione più facile.

7) Inserisci una CTA (Call-to-action):

Alla fine di ogni articolo, inserisci una CTA che conduca il tuo lettore verso lo step successivo, ad esempio l’iscrizione al bolg, un download di un ebook, l’iscrizione a un webinar o evento, un articolo correlato ecc. La CTA è un ottimo strumento sia per il marketer, per la lead generation, sia per il lettore, in quanto gli dà l’accesso ad informazioni correlate che potrebbero interessargli.

Ecco un esempio:

Esempio CTA blog aziendale

8) Ottimizza secondo la SEO:

Una volta che hai finito di scrivere, ottimizza il tuo post per i motori di ricerca: cerca di rendere il tuo URL breve e utilizza keywords mirate

Ecco una breve lista delle cose a cui fare particolare attenzione:

  • Meta-descrizione. Le meta-descrizioni sono quelle descrizioni che si trovano sotto al titolo della pagina nei risultati di ricerca Google. Idealmente, sono composte di 150-160 caratteri e iniziano con un verbo (“impara”, “scopri”) e fornisco un breve riassiunto dell’argomento del post.

Esempio metadescrizione blog aziendale

  • Titolo e Headers/intestazione. Cerca di utilizzare un titolo breve (sotto i 65 caratteri) di modo che non venga troncato nei risultati dei motori di ricerca. Inserisci la/le keywords attorno al quale vuoi che il tuo post sia indicizzato, evitando quelle che sembrano deboli o fuori contesto.
  • Anchor text. L’anchor text è la parola (o parole) che linka ad un’altra pagina, che sia del tuo o di un altro sito. Scegli attentamente a quali siti fare riferimento, preferendo siti autorevoli, e fai attenzione a quali pagine del tuo sito stai linkando.
  • Rendilo Mobile-friendly. Questo è un punto sempre più importante, considerato che sempre più persone tendono a navigare in internet dal proprio smartphone: avere un sito mobile-friendly ha il doppio pregio di fornire al lettore una miglior esperienza di navigazione e di aumentare le possibilità di una alta indicizzazione su Google, il quale include anche questo fattore nella sua decisione.

9) Scegli un titolo accattivante:

Comincia dal tuo titolo provvisorio e pensa a delle alternative, sempre tenendo chiarezza, brevità e pertinenza come priorità; cerca di rendere il tuo titolo  più accattivante utilizzando artifici letterari, come l’alliterazione o un linguaggio forte. Se pertinenti, inserisci delle keywords e, infine, tieni la misura sotto i 65 caratteri.

 

Come posso cominciare?

Come diventare un maratoneta richiede allenamento, così, dovrai allenarti per diventare un blogger. In seguito, troverai un programma di 5 settimane pensato per aiutarti a diventare un blogger a tutti gli effetti. La prima settimana comincia con un esercizio di brainstorming il cui scopo è aiutarti a pubblicare un articolo. Il tuo allenamento si intensifica progressivamente, cosicché, arrivato alla quinta settimana, saprai pubblicare le tue nuove statistiche di settore.

Calendario avviamento blog aziendale

 

Download Template per scrivere articoli di Blog

 

Lisa Rossi

Privacy Policy