Skip to main content

Il codice univoco è un identificativo composto da sei caratteri alfanumerici che serve a individuare gli uffici della Pubblica Amministrazione destinatari delle fatture elettroniche.
Il codice è essenziale per il corretto funzionamento del
Sistema di Interscambio (SDI), che è il sistema attraverso il quale vengono trasmesse le fatture elettroniche in Italia.

A cosa serve il Codice Univoco

Quando un fornitore emette una fattura elettronica destinata a un ufficio della Pubblica Amministrazione, deve inserire in essa il codice univoco di quel particolare ufficio, permettendo al SDI di riconoscere in modo univoco il destinatario della fattura e di inoltrarla correttamente.

Il codice univoco è quindi un elemento fondamentale nel processo di fatturazione elettronica per le transazioni con la Pubblica Amministrazione, assicurando che ogni fattura raggiunga il giusto ufficio destinatario e facilitando la tracciabilità e l’efficienza delle operazioni fiscali.

Il codice univoco a cui si fa riferimento nella fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione è noto anche come Codice Univoco d’Ufficio (CUU) o Codice IPA. Il termine “IPA” sta per Indice delle Pubbliche Amministrazioni, che è un elenco pubblico di tutte le amministrazioni e gli uffici pubblici italiani. Ogni ente o ufficio pubblico presente nell’Indice ha un proprio codice univoco. 

Elenco degli CUU/IPA Enti Pubblici

È importante sottolineare che un ente pubblico può essere associato a più codici univoci nel caso in cui sia composto da diversi uffici o dipartimenti; ogni ufficio o dipartimento all’interno dello stesso ente pubblico può avere un suo specifico Codice Univoco d’Ufficio (CUU) o Codice IPA.

Come trovare il codice univoco di un Ente Pubblico

Per individuare il codice IPA corretto da utilizzare in una fattura elettronica indirizzata a un particolare ufficio della Pubblica Amministrazione, è possibile consultare l’elenco degli enti e dei loro codici univoci disponibile sul portale IPA (Indice delle Pubbliche Amministrazioni).

Il servizio online offerto dal governo è un’importante risorsa per garantire che le fatture elettroniche siano indirizzate al destinatario corretto all’interno della Pubblica Amministrazione.0

Dal link, è possibile accedere a una varietà di sezioni, tra cui si distingue il servizio di Consultazione permettendo di effettuare ricerche approfondite per acquisire dettagli su vari argomenti, quali:

– Domicilio Digitale: per informazioni riguardanti l’indirizzo digitale associato ad una PA

– Indirizzo Sede: per conoscere l’ubicazione fisica 

– Fatturazione e Ordini: per dettagli su procedure di fatturazione e gestione degli ordini.

– Responsabile Transizione Digitale: per identificare il responsabile dell’implementazione delle tecnologie digitali all’interno di un’entità.

– Servizi: per esplorare i vari servizi offerti e come possono essere utilizzati.

————————————————————————————-

Differenza tra codice destinatario e codice univoco

È comune che i contribuenti confondano il codice destinatario con il codice univoco, nonostante la loro funzione sia simile. Il codice destinatario è impiegato nelle fatture elettroniche tra aziende o tra aziende e consumatori (B2B e B2C) e si compone di sette caratteri alfanumerici. 

Al contrario, il codice univoco è specifico per le fatture elettroniche inviate alla Pubblica Amministrazione (PA) e consta di sei caratteri alfanumerici, per ogni fattura elettronica indirizzata alla PA, è obbligatorio inserire il Codice Univoco Ufficio (CUU)

The best Erp Cloud Software.
Richiedi una sessione dimostrativa gratuita:

un nostro esperto applicativo ti presenterà le caratteristiche del prodotto. Compila il form sottostante: